Che significa? Segreto

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Segreto

Segreto bancario (d. banc.)

Per Segreto si intende l’obbligo della banca di non svelare notizie relative ai propri rapporti d’affari con clienti, a meno che intervenga il consenso del cliente stesso.

Nel nostro ordinamento manca una norma che espressamente preveda tale obbligo; tuttavia dottrina e giurisprudenza sono concordi nell’ammettere l’esistenza dell’obbligo del Segreto seppur limitato dall’esigenza di tutelare altri interessi costituzionalmente garantiti.

Ad ogni modo il Segreto non ha valore assoluto: la sua applicabilità è sottoposta a limiti, volti a tutelare interessi superiori in materia di polizia e fisco.

Segreto degli atti nel processo penale (d. p. pen.)

L’atto coperto da Segreto è quello che l’indagato [vedi] o l’imputato [vedi] non conosce né ha diritto di conoscere. Il compimento dell’atto in sua presenza, ovvero il successivo suo deposito, con avviso al difensore, rende l’atto conosciuto o conoscibile ma solo dal soggetto e non da terzi estranei, compresi i giornalisti.

Pertanto, nella fase delle indagini preliminari [vedi] si svolgono atti segreti, non conoscibili nemmeno dal difensore dell’inquisito, e atti a lui noti, mediante il deposito dei relativi verbali, e cioè atti per lui non più segreti.

Per gli atti segreti vige il divieto di pubblicazione sia dell’atto testuale sia del suo contenuto; per gli atti non più coperti da segreto il divieto permane solo per l’atto testuale ma non per il contenuto, non essendo pensabile un perenne silenzio stampa (art. 114 c.p.p.).

Nella fase successiva del dibattimento [vedi], tutti gli atti del fascicolo del P.M. sono noti ai difensori, a seguito del deposito dell’intero fascicolo, per cui non si hanno più atti coperti da segreto. Pertanto, sarà pubblicabile il contenuto di qualsiasi atto ma non in forma testuale, come si è visto per gli atti delle indagini preliminari non più segreti. Tuttavia, alcuni atti possono essere pubblicati anche testualmente e subito: sono gli atti utilizzati per le contestazioni. Per gli altri atti, la possibilità di pubblicarli nel loro testo integrale è possibile per quelli contenuti nel fascicolo per il dibattimento, mentre per quelli contenuti nel fascicolo del P.M. è possibile solo dopo la pronuncia della sentenza di secondo grado.

Segreto d’ufficio (d. amm.) (d. pen.)

Costituisce uno dei doveri fondamentali del pubblico impiegato.

La disciplina del Segreto è stata modificata dalla L. 241/1990 per renderlo compatibile con il riconoscimento del diritto di accesso ai documenti della pubblica amministrazione di cui agli artt. 22 ss. della citata legge. In particolare, il codice di comportamento dei pubblici dipendenti (D.P.R. 62/2013), all’art. 12, ribadisce l’obbligo per il dipendente di osservare il Segreto d’ufficio (oltre che la normativa in tema di trattamento e tutela dei dati personali) e sancisce che, nel caso gli venga richiesto oralmente di fornire informazioni, atti, documenti non accessibili tutelati dal segreto d’ufficio o dalle disposizioni in materia di privacy, il dipendente sia tenuto ad informare il richiedente dei motivi che ostano all’accoglimento della richiesta. Inoltre, qualora egli non abbia la competenza a provvedere direttamente, deve curare che la richiesta medesima sia inoltrata all’ufficio competente della medesima amministrazione.

La rivelazione o l’utilizzazione del Segreto può costituire, oltre a un illecito civile [vedi] o amministrativo [vedi], anche un illecito penale [vedi] ex art. 326 c.p. (Rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio).

Si ricordi, infine, che l’esistenza del (—) esonera dall’obbligo di testimoniare (art. 249 c.p.c. e art. 201 c.p.p.) [vedi Testimonianza].

Segreto di Stato (d. amm.) (d. pen.)

L’attività d’informazione, quando si rivolge a fatti, atti e notizie che possono compromettere la sicurezza interna ed internazionale dello Stato, deve necessariamente rimanere segreta.

In tale senso dispone l’art. 24 L. 241/1990, che nel disciplinare il diritto d’accesso ai documenti amministrativi [vedi], in ossequio al principio di trasparenza, esclude la divulgabilità e la conoscibilità dei documenti, atti o notizie coperti da Segreto.

Pertanto, i pubblici ufficiali [vedi Pubblico ufficiale], i pubblici impiegati [vedi Impiego pubblico] e gli incaricati di un pubblico servizio sono tenuti ad astenersi dal testimoniare su fatti coperti dal  Segreto (art. 202 c.p.p.). Il giudice, a cui il Segreto è opposto, può peraltro chiedere conferma dell’esistenza di tale vincolo al Presidente del Consiglio. Se è confermato, e la prova sia essenziale ai fini del processo, il giudice dichiara non doversi procedere per l’esistenza di un Segreto . Non può essere opposto per reati di eversione dell’ordinamento costituzionale.

Si ricordi, infine, che la rivelazione e l’utilizzazione di tale segreto costituiscono reato (art. 261 c.p.).

Segreto professionale (d. civ.) (d. pen.)

Costituisce un dovere fondamentale, di carattere sia giuridico che deontologico, per coloro che esercitano determinate professioni (quali l’avvocato, il commercialista, il medico, il farmacista, il giornalista etc.).

L’obbligo del Segreto , per la precisione, impone a questi soggetti di non rivelare assolutamente a terzi ciò di cui vengono a conoscenza nell’esercizio della propria professione.

Il legislatore (art. 622 c.p.) sanziona penalmente la violazione del Segreto . Il  Segreto inoltre, in una prospettiva processuale, può esimere dall’obbligo di testimoniare [vedi Testimonianza], secondo un meccanismo analogo a quello previsto per il segreto di Stato (art. 249 c.p.c.; art. 200 c.p.p.).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI