Che significa? | Termini giuridici

Spedizione

14 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 14 ottobre 2015



Spedizione

Contratto di Spedizione  (d. civ.)

Il contratto di Spedizione è un mandato [vedi] senza rappresentanza [vedi Rappresentanza] con cui una parte (spedizioniere) assume l’obbligo di concludere, in nome proprio e per conto del mandante, un contratto di trasporto [vedi] e di compiere tutte le operazioni accessorie (artt. 1737 ss. c.c.).

Lo spedizioniere è dunque una figura diversa dal semplice vettore [vedi], con il quale conclude il contratto di trasporto; egli può tuttavia assumere in proprio l’esecuzione del trasporto, risultando in tal modo, al contempo, vettore e spedizioniere (cd. entrata dello spedizioniere nel contratto).

Lo spedizioniere deve tra l’altro osservare tutte le istruzioni del mittente, curare la custodia dei beni affidatigli, assicurare, se convenuto, le cose spedite.

Lo spedizioniere ha diritto ad una provvigione che, in mancanza di convenzione, è determinata in base alle tariffe professionali o, in mancanza, secondo gli usi del luogo in cui avviene il contratto di  Spedizione. Fino all’avvenuta conclusione del contratto di trasporto da parte dello spedizioniere, il mittente può revocare l’ordine di Spedizione, rimborsando però allo spedizioniere le spese sostenute e corrispondendogli equo compenso per l’attività prestata (art. 1738 c.c.).

Spedizione in forma esecutiva (d. p. civ.)

Atto preliminare rispetto all’inizio della procedura esecutiva [vedi Formula esecutiva].

Per Spedizione in forma esecutiva s’intende l’apposizione di una formula solenne sul titolo esecutivo [vedi] (sentenza, altro provvedimento dell’autorità giudiziaria o atto di notaio) essenziale per l’esercizio dell’azione esecutiva [vedi Esecuzione forzata].

Competente a provvedervi è il cancelliere [vedi] (per le sentenze e gli altri titoli esecutivi giudiziari) o il notaio [vedi] o altro pubblico ufficiale [vedi] (per gli atti da loro ricevuti).

La Spedizione  in forma esecutiva va fatta alla parte a cui favore fu pronunciato il provvedimento o stipulata l’obbligazione.

La parte può ottenere un solo originale del provvedimento con formula esecutiva; in presenza di giusto motivo (es.: perdita del documento), tuttavia, su istanza della parte interessata, il capo dell’ufficio giudiziario che ha pronunciato il provvedimento può autorizzare, con decreto [vedi] una nuova Spedizione  o la Spedizione di ulteriori copie

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI