Dizionario | Termini giuridici

Stampa

14 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Stampa

Libertà di Stampa (d. cost.)

L’unico mezzo di comunicazione di massa disciplinato dalla Costituzione è la Stampa.

L’art. 21 Cost. sancisce in materia i seguenti principi:

—  esclusione di ogni forma di autorizzazione preventiva. Infatti chi intende pubblicare un libro o uno stampato non deve chiedere alcun consenso preventivo per poterlo diffondere. Si vuole, cioè, evitare che la pubblicazione di uno stampato sia soggetta ai poteri discrezionali della pubblica amministrazione;

—  esclusione di ogni forma di censura [vedi];

—  l’unico strumento repressivo ammesso è il sequestro [vedi], che deve essere disposto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nei casi di delitti a mezzo  Stampa o nel caso di violazione di norme che la legge sulla Stampa  prescrive per individuare i responsabili;

—  possibilità di stabilire con legge dei controlli sui mezzi di finanziamento della Stampa periodica;

—  la previsione della facoltà del legislatore di adottare controlli preventivi e mezzi repressivi contro stampati, spettacoli e tutte le manifestazioni che offendano il buon costume.

Reati a mezzo Stampa (d. pen.)

L’art. 57 c.p., nella formulazione originaria, rendeva responsabile il direttore del giornale per i reati commessi a mezzo Stampa, e ciò per il solo fatto di rivestire tale carica, sancendo così un caso di responsabilità oggettiva. In seguito alla L. 4-3-1958, n. 127, l’art. 57, nella nuova formulazione, prevede una forma di responsabilità colposa: il direttore sarà responsabile se, per colpa, omette di esercitare sul contenuto del periodico da lui diretto il controllo necessario ad impedire che col mezzo della pubblicazione siano commessi reati.

In caso di Stampa non periodica o clandestina è responsabile l’editore se l’autore della pubblicazione è ignoto o non imputabile, e lo stampatore, se l’editore non è indicato o non è imputabile.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube