Dizionario | Termini giuridici

Trattazione della causa

19 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Trattazione della causa (d. p. civ.)

La Trattazione della causa  comprende quell’attività di giudizio diretta all’individuazione delle parti in causa, alla modificazione e precisazione ad opera delle stesse delle domande proposte, nonché all’esposizione delle ragioni di fatto e di diritto che sorreggono le rispettive pretese. Si svolge sotto la direzione del giudice istruttore [vedi].

La riforma del 2005 (D.L. 35/2005, conv. in L. 80/2005) ha profondamente modificato la disciplina della Trattazione della causa, prevedendo un’unica udienza per la prima comparizione e per la  Trattazione della causa (art. 183 c.p.c.). Nel corso di tale udienza il giudice verifica l’integrità del contraddittorio, richiede alle parti i chiarimenti necessari ed indica loro le questioni rilevabili d’ufficio delle quali ritiene opportuna la  Trattazione della causa. Solo su richiesta congiunta, il Giudice può differire l’udienza di comparizione e Trattazione della causa per la comparizione personale delle parti e l’interrogatorio [vedi] libero.

Nell’udienza ex art. 183 c.p.c. le parti possono chiedere un termine di 30 giorni per il deposito di memorie limitate alle sole precisazioni o modificazioni delle domande, delle eccezioni [vedi] e delle conclusioni già proposte, un termine ulteriore di 30 giorni per replicare alle domande ed eccezioni nuove, o modificate dall’altra parte, per proporre le eccezioni che sono conseguenza delle domande e delle eccezioni medesime e per l’indicazione dei mezzi di prova e produzioni documentali e, infine, un termine di ulteriori 20 giorni per le sole indicazioni di prova contraria: in tal modo sia l’oggetto della causa (thema decidendum) sia l’oggetto della prova (thema probandum) saranno definitivamente fissati all’esito dell’udienza di Trattazione della causa .



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube