Che significa? Usufrutto

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Usufrutto (d. civ.): È un diritto reale di godimento su cosa altrui [vedi Diritti soggettivi].

Si concreta nel diritto riconosciuto all’usufruttuario di godere ed usare della cosa altrui, traendo da essa tutte le utilità che può dare, compresi i frutti che essa produce, con l’obbligo di non mutarne la destinazione economica (artt. 981, 984 c.c.) (ius utendi et fruendi, salva rerum substantia).

In sostanza l’ Usufrutto si differenzia dagli altri diritti reali di godimento su cosa altrui proprio per la particolarità della ripartizione di poteri e di facoltà, che competono, nei confronti del bene, rispettivamente all’usufruttuario ed al proprietario.

All’usufruttuario competono tutte le forme di utilizzazione che non sono escluse dal titolo. Sotto questo profilo si può dire che l’ Usufrutto è il tipico diritto reale di godimento a contenuto generale, subordinato soltanto ai limiti della temporaneità e dell’obbligo di rispettare la destinazione economica del bene.

La situazione del proprietario del bene gravato da Usufrutto , al quale è sottratto il potere di usare il bene e di farne propri i frutti, è comunemente detta nuda proprietà [vedi].

Oggetto dell’Usufrutto  può essere qualunque specie di bene (mobile o immobile, crediti, azienda etc.).

Usufrutto legale dei genitori

I genitori che esercitano la responsabilità genitoriale [vedi] hanno in comune il diritto di Usufrutto su tutti i beni del patrimonio personale del figlio (ad eccezione di quelli elencati nell’art. 324 c.c.) fino alla maggiore età o all’emancipazione [vedi].

L’  Usufrutto legale dei genitori è destinato a garantire l’istruzione e l’educazione dei figli e a far fronte alle necessità della famiglia, considerata nel suo complesso; i genitori, infatti, non possono godere dei frutti per un loro interesse personale, ma devono destinare i proventi del patrimonio a vantaggio del nucleo familiare.

L’ Usufrutto legale non va confuso con l’ Usufrutto ordinario, regolato dagli artt. 978 ss. c.c., trattandosi non di un diritto, ma di un ufficio di diritto privato cui sono tenuti i genitori.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI