Che significa? | Termini giuridici

Utile

20 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 20 ottobre 2015



Utile (d. comm.): È il vantaggio monetario ricavato da una attività economica.

L’ Utile si dice:

—  finale, se si ottiene quando l’attività del­l’impresa cessa ed è rappresentato, quindi, dalla eccedenza del totale dei ricavi conseguiti sul totale dei costi sostenuti nell’esercizio dell’impresa;

—  di esercizio, quando invece indica il risultato di un singolo periodo amministrativo ed, in tal caso, è rappresentato dall’eccedenza dei ricavi di competenza sui costi di competenza.

L’Utile  conseguito può essere prelevato dal proprietario (nel caso di impresa individuale) o distribuito ai soci (nel caso di società).

La ripartizione degli Utili nelle società è disciplinata in modo differente dal legislatore a seconda del tipo di società. Spesso però accade che si decida di non prelevare o distribuire, in tutto o in parte, l’ Utile conseguito e reinvestirlo in azienda; in tal caso l’Utile non distribuito viene portato in aumento del capitale netto attraverso l’accantonamento a riserva e costituisce una forma di autofinanziamento.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI