Dizionario | Termini giuridici

Vilipendio

23 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Vilipendio [reati di] (d. pen.): Delitti che si realizzano con un fatto di Vilipendio , ossia con espressioni di disprezzo, di contumacia, di offesa, di svilimento verso persona, istituzioni e cose.

Il Vilipendio può essere compiuto con parole, con scritti, con gesti o atti, come il lancio di materie ed oggetti oltraggiosi.

Vilipendio alla nazione italiana

Su tale fattispecie (art. 291 c.p.) ha inciso la L. 85/2006, la quale punisce chiunque pubblicamente vilipende la nazione italiana. Nazione italiana è la comunità degli italiani, uniti dalla comunanza di storia, di lingua, di memoria, di costumi e di aspirazioni.

Anche qui il fatto deve essere commesso pubblicamente (art. 266, co. 2, c.p.).

Pena: Multa da 1.000 a 5.000 euro.

Vilipendio alla Repubblica

L’art. 290 c.p., da ultimo modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85, in materia di reati di opinione [vedi], punisce chiunque vilipende la Repubblica, le Assemblee legislative o una di queste, ovvero il Governo o la Corte costituzionale o l’ordine giudiziario oppure la Forze armate dello Stato e quelle della liberazione. Quanto alle istituzioni protette dalla norma, va rilevato che l’ordine giudiziario di cui parla l’art. 290 c.p. è soltanto la magistratura ordinaria di cui all’art. 104 Cost.; le Forze armate dello Stato comprendono anche i carabinieri e la Polizia di Stato.

Il Vilipendio, per costituire delitto, deve essere commesso pubblicamente (art. 266, co.2, c.p.)

Pena: Multa da 1.000 a 5.000 euro.

Vilipendio e danneggiamento alla bandiera o ad altro emblema dello Stato

A seguito della sua riformulazione ad opera della L. 85/2006, l’art. 292 c.p. punisce chiunque vilipende con espressioni ingiuriose la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato e chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato. Due le ipotesi aggravate: la prima, configurabile quando il fatto sia commesso in occasione di una pubblica ricorrenza o di una cerimonia ufficiale e la seconda, che tipizza il Vilipendio reale (nel caso di imbrattamento, laceramento, calpestamento, deturpamento, alterazione degli elementi che costituiscono il vessillo della bandiera), sanzionando penalmente chiunque distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato, purché agisca pubblicamente (art. 266, co. 2, c.p.) e intenzionalmente (l’avverbio sembra richiedere un dolo rafforzato dalla consapevolezza del significato simbolico dell’oggetto aggredito).

Pena: Multa da 1.000 a 5.000 euro, per il Vilipendio mediante espressioni ingiuriose; multa da 5.000 a 10.000 euro per il Vilipendio commesso in occasione di cerimonie o ricorrenze.

Reclusione fino a due anni per le ipotesi di Vilipendio reale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube