Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20300 del 23/08/2017



Cassazione civile, sez. lav., 23/08/2017, (ud. 21/04/2017, dep.23/08/2017),  n. 20300

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI CERBO Vincenzo – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25845-2011 proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A. C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE

G. MAZZINI 134, presso lo studio dell’avvocato LUIGI FIORILLO, che

la rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

C.A., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA RENO 21, presso

lo studio dell’avvocato ROBERTO RIZZO, che la rappresenta e difende,

giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 7166/2010 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 26/10/2010 R.G.N. 1536/06.

Fatto

RILEVATO

Che con sentenza in data 26/10/2010 la Corte d’Appello di Roma, in riforma della sentenza del locale Tribunale n.474/2006 che, accogliendo integralmente il ricorso della Società, aveva dichiarato legittimo il termine apposto al contratto intercorso tra Poste Italiane e C.A. dal 2/03/2002 al 30/04/2002, ha dichiarato la nullità dell’apposizione del predetto termine per genericità della causale giustificativa, disponendo la conversione del contratto;

Che avverso tale sentenza Poste Italiane ha proposto ricorso, affidato a cinque motivi, al quale ha opposto difese, con tempestivo controricorso, C.A.;

Che entro i termini di legge C.A. ha depositato copia del verbale di conciliazione sottoscritto dalle parti, da cui risulta che le stesse hanno composto in via definitiva la controversia oggetto del contenzioso;

Che, pertanto, deve dichiararsi cessata la materia del contendere.

PQM

La Corte dichiara cessata la materia del contendere e compensa interamente tra le parti le spese del giudizio.

Così deciso, nell’Adunanza Camerale, il 21 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 23 agosto 2017



LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI